fbpx

5 consigli per la tua strategia customer-centric

Customer-centric

L’altro giorno in agenzia discutevamo su quanto facessimo per il cliente. Riusciamo sempre a concludere una transazione con un cliente dallo stato d’animo soddisfatto? Il nostro customer service è abbastanza preparato e gentile? Ci chiedevamo questo ed altro, poiché ci riteniamo essere un’azienda customer-centric.

Essere customer-centric è ciò che probabilmente ci ha portati fino a dove siamo arrivati, dunque sappiamo per certo che è una filosofia che alla lunga ripaga eccome del duro lavoro!

La filosofia customer-centric, però, non è semplice da seguire: essa si basa interamente su una relazione forte con il cliente, da forgiare nel tempo e con alcuni passaggi necessari da fare.

A chi volesse cominciare ad adottare tale strategie per il proprio brand, posso dare questi cinque consigli basati sulla mia esperienza.

1. Delinea il percorso

Noi vogliamo che i nostri clienti diventino evangelist: in un mondo in cui il passaparola influenza il 74% delle persone nel processo decisionale di acquisto, avere degli alleati può essere prezioso. Il fatto è che costruirsi tali alleati implica il condurre le persone attraverso un percorso che inizia quando vengono attratte sul nostro sito e finisce quando diventano evangelist. Delineare le tappe di tale percorso e il modo in cui passare da un livello all’altro è molto importante, perché può aiutare a capire in cosa migliorare.

2. Offri un’esperienza personalizzata

La mail automatica non è per niente customer-centric, ma non serve che lo dica io. Potresti invece creare delle follow up series differenziate in base al tipo di azione compiuto dall’utente. Inoltre, un buon copywriter può aiutarti a rendere tali email più convincenti in base al target cui sono destinate.

3. Focalizzati sulle storie

Fare storytelling è importante, questo ormai è scontato. Ogni cosa ha una storia: prodotti, persone, libri, brand…

Oggi abbiamo strumenti e media che in passato non potevamo avere e grazie ai quali fare storytelling non è mai stato più semplice, ma poiché molte aziende sembrano averlo dimenticato, credo sia bene ripeterlo.

Lo storytelling è forse il mezzo più potente che abbiamo a disposizione per creare la forte relazione brand-cliente che è alla base della filosofia customer-centric.

4. Ricordati che hai a che fare con persone

Come dicevo prima, le email automatiche non funzionano più da un pezzo. Il perché è presto detto: magari quindici o venti anni fa, che un brand riuscisse a sfruttare la forza della tecnologia e mandare email automatiche, magari faceva figo, mentre oggi, essendo l’automatismo una cosa normale, cerchiamo l’opposto: ovvero un trattamento più umano. Preferiamo una mail con un caldo benvenuto, piuttosto che la solita frasetta di circostanza inviata da un sistema che saluta in automatico i nuovi utenti.

La forza dell’approccio customer-centric è questa: dedicare risorse umane ad altri esseri umani. Questo, oltre a far trasparire il lato umano del tuo brand, svilupperà anche un senso di appartenenza ad una community alla quale essere fedele, il che è sicuramente uno dei passi più importanti che portano i clienti a diventare evangelist.

5. Istruisci e informa

A me piacciono tantissimo i brand di prodotti culinari che pubblicano ricette sul proprio blog aziendale o sulla pagina Facebook.

Perché? Semplice: perché in quel momento, ti stanno spiegando come trarre il massimo dal prodotto che hai acquistato presso di loro, valorizzandone l’esperienza e facendo sentire il cliente non abbandonato dopo l’acquisto.

Sì, perché un brand customer-centric che si rispetti, non può terminare il rapporto con il cliente con la vendita: una relazione forte si costruisce anche dopo questa fase.

Condividere la propria conoscenza è la chiave per avere successo in questo momento del percorso, perché conoscenza è valore aggiunto.

Il tuo approccio customer-centric

Questi sono solo alcuni dei consigli che considero fondamentali per applicare l’approccio customer-centric all’interno della propria strategia. Secondo te, invece, cosa bisogna fare affinché tale sistema funzioni? Cosa non può mancare a un brand customer-centric? Esponi la tua opinione nei commenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e gestire blog per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.