fbpx

5 motivi per cui la tua pubblicità viene ignorata

Indifferenza

Indifferenza

Che sia advertising online, cartellonistica o inserzioni sui giornali, devi quasi sempre offrire materiale visivo al destinatario del tuo messaggio pubblicitario.

Sarà un luogo comune, ma non è affatto banale dire che anche l’occhio vuole la sua parte, perché se il messaggio che vedo non mi piace, probabilmente finirò per ignorarlo.

È proprio questo il punto: sei sicuro che il tuo messaggio non passi inosservato?  Ci sono cinque motivi per i quali ciò potrebbe accadere.

1. Bianco e nero

I colori! Magnifica invenzione! È vero, io sono uno di quelli a cui piacciono i film in bianco e nero, ma (purtroppo) il mondo va avanti e una qualsiasi pubblicità in bianco e nero passerebbe inosservata: sono colori che si mimetizzano benissimo nel grigiore delle nostre giornate.

2. Eccesso cromatico

Bello l’arcobaleno, eh? La tua pubblicità, però, non è un arcobaleno. Troppi colori disorientano, confondono e sono inutili, inoltre non comunicano affatto la tua identità, anzi, danno l’impressione che tu non ne abbia una. Scegli uno, due, massimo tre colori mirati.

3. Il font

Ok, hai scelto i colori giusti, ma che mi dici del carattere con cui è scritto il tuo messaggio? Secondo una ricerca, un italiano su tre è affetto da problemi alla vista. Parlo degli italiani, ma la statistica è valida, credo, pressappoco ovunque. È chiaro, quindi, che il font deve essere ben leggibile, senza soluzioni eccessivamente elaborate. La ricetta, anche in questo caso, è la semplicità.

4. Il messaggio

Il messaggio che vuoi lanciare è chiaro? O forse hai abusato di qualche gioco di parole nell’intento di renderlo più simpatico? Personalmente, non ho tutto questo tempo a disposizione per mettermi a pensare a cosa volevi dire.

Sei certo, inoltre, che non sia equivocabile? Il doppio senso è sempre dietro l’angolo, poiché ogni lingua ha le sue ambiguità.

Non è tutto: sei sicuro che il messaggio in sé abbia un ruolo centrale nella tua campagna di comunicazione? A volte si cura molto la cornice, ma ci si dimentica di curare i dettagli del dipinto.

Non mancano, inoltre, i casi in cui lo stile del messaggio fa a cazzotti con l’identità del brand. Assicurati che le due cose siano concordanti.

5. Il tuo logo… ovunque!?

Non c’è nulla di peggio che mettere il proprio logo in bella vista, per mostrare chiaro e tondo chi sei. Poi magari lo metti anche nel messaggio e persino in calce, come fosse la tua firma. Devi tener presente, però, che le persone non sono stupide e magari basta inserire il tuo logo una sola volta.

Aggiungeresti o toglieresti qualcosa a questa lista? Come sarebbe la tua comunicazione ideale? A te la parola. 🙂

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e contenuti per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.