fbpx

Come scrivere un articolo utile

Come scrivere un articolo utile

Come scrivere un articolo utile

Devi scrivere il prossimo articolo per il tuo blog? Bene, ma un post qualunque non basta. Immagina Internet come una grande metropoli rumorosa: per far sì che qualcuno oda la tua musica devi metterci tanto impegno e tanta passione, ma soprattutto devi far sì che i passanti si fermino e restino ad ascoltarti.

Come fare in modo che ciò accada? Beh per questo ci sono le strategie ed ognuna differisce dall’altra, tranne che alla base: devi creare contenuto utile.

Si fa presto a dirlo, penserai. Come si fa a capire quando un post può essere utile e quando invece è solo fuffa? La risposta, in realtà, è più semplice di quello che credi: basta porsi le domande giuste e rispondere in modo altrettanto adeguato.

Ecco dunque, step by step, come scrivere un post utile:

Qual è l’obiettivo?

Cosa vuoi fare attraverso questo post? Qual è l’argomento principale che tratterai e perché lo hai scelto?

Esempio: voglio parlare del nuovo materasso SuperBed appena arrivato sul mercato, perché lo vendo nel mio negozio online e ne voglio aumentare le vendite.

Perché il tuo argomento dovrebbe essere utile?

Qualsiasi cosa è utile se offre benefici. Cerca le ragioni per le quali chi legge il tuo post potrebbe trarne benefici.

Esempio: Cosa avrebbe di speciale il SuperBed?
– È speciale perché il materiale dell’imbottitura si adatta alla forma del corpo di chi ci dorme.
– E quindi?
– Quindi previene i dolori alla schiena.
– E quindi?
– Quindi si dorme meglio.
– E quindi?
– Quindi ci si sveglia meno stanchi e con più energia.
– Bingo!

A chi dovrebbe essere utile?

Delinea il tuo target. A chi vuoi arrivare? Chi è il destinatario del tuo messaggio? Una volta stabilito questo, avrai anche un’idea delle parole-chiave da utilizzare per attirare sia l’attenzione del lettore che quella dei motori di ricerca.

Esempio: potrebbe essere utile alle persone che soffrono di insonnia o a chi soffre di una o più patologie ortopediche.

Chi può confermare quello che dici?

In parole povere: disponi di fonti autorevoli? Cerca statistiche, approfondimenti, recensioni dei consumatori e qualsiasi cosa possa sostenere la tua tesi in modo credibile.

Esempio: su questo sito c’è scritto che 9 persone su 10 dormono meglio la notte, mentre sulla rivista Materassi & Affini c’è scritto che è un ottimo prodotto.

A questo punto puoi già scrivere una prima bozza del tuo articolo, dopodiché c’è da affrontare la parte tecnica.

Attira subito l’attenzione?

Puoi scrivere un ottimo articolo e potrebbe non leggerlo nessuno. Ricorda: Internet è una metropoli molto rumorosa. Rendi il titolo accattivante, assicurati di aver utilizzato le giuste parole-chiave e cura il visual.

La lettura è semplice e scorrevole?

Parliamo di usability: ricorda che i lettori non sono macchine e gli spider di Google non ti aiuteranno direttamente a raggiungere i tuoi obiettivi, quindi usa bene le parole e scrivi in modo corretto senza forzature. Cerca, inoltre, di evitare i muri di testo e spezza il ritmo dividendo il post in paragrafi e usando liste puntate quando necessario.

Ora è il momento di finalizzare la tua bozza.

Offre spunti di discussione?

Il blog è fatto per creare conversazioni. Se non c’è nulla di cui parlare come speri di ricevere commenti e feedback? Sai, a volte dire proprio tutto non è la strategia migliore, ma è bene lasciare un po’ di spazio anche al lettore, magari invitandolo con una call to action nel finale.

A proposito, qual è la tua ricetta per un post utile?

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e gestire blog per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.