fbpx

Come sfruttare la memoria umana nei tuoi testi

Memoria

Memoria

Come possiamo sperimentare noi stessi, la mente umana tende a riassumere le informazioni che riceve, comprimendole fino a raggiungere il giusto compromesso tra la completezza e la sintesi. Proprio per questo motivo, la nostra mente è obbligata a fare un processo di selezione delle informazioni più importanti mediante criteri acquisiti.

Qui entra in gioco Hermann Ebbinghaus, psicologo tedesco del XIX secolo, il quale fu un pioniere degli studi sulla memoria, nonché padre della psicologia sperimentale (eseguì tantissimi esperimenti su sé stesso) e dell’associazionismo.

Cosa c’entra questo col copywriting? Semplice: uno dei criteri sperimentati da Ebbinghaus e ancora oggi molto utilizzato è quello della Posizione Seriale.

Curva posizione seriale
Immagine: Uskebasi

Come mostrato nella figura, la tendenza naturale della mente umana è quella di ricordare le informazioni inserite all’inizio di un testo e quelle alla fine. Le prime perché vengono percepite come prioritarie, le ultime perché sono le informazioni pirù recenti.

Nella praticità quotidiana, tutto questo si traduce nell’inserire le informazioni più importanti nell’introduzione o nelle conclusioni di un testo. riorganizzando quindi la classica struttura che mette il nocciolo della questione al centro del testo in quanto percepito come il nucleo principale.

Tuttavia, questo vuol dire che quando non è possibile rispettare questa struttura bisogna mettere le informazioni importanti in evidenza rispetto al resto del testo. In tal senso aiuta anche suddividere il testo in paragrafi titolati, sia per la teoria della Posizione Seriale, sia per un’altra teoria di Ebbinghaus: quella dell’Apprendimento Distributivo, la quale afferma che è più semplice memorizzare un grande quantitativo di informazioni se esse vengono apprese in più sedute.

Questa tecnica funziona, ovviamente, anche per le bullet list, anche se esse sono inserite nel mezzo di un testo: la mente memorizzerà comunque il primo e l’ultimo punto più facilmente rispetto agli altri.

Tu usi spesso questa tecnica? Come organizzi le informazioni all’interno di un testo? Confrontiamoci insieme. 😉

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e contenuti per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.