fbpx

Cosa c’è dopo la social-morte?

Cimitero

Cimitero

Cosa ne è di noi dopo la morte? Un interrogativo che da millenni assilla l’uomo, che non è in grado di accettare la sua natura di essere pensante, ma non eterno. Qualcuno si è inventato l’oltretomba, qualcun altro le reincarnazioni, ma nessuno pensa al fatto che magari di noi resterà solo un temporaneo ricordo nei vivi e le nostre imprese, che forse saranno ricordate per qualche tempo in più.

Io, che non credo ad alcuna forma di vita dopo la morte, mi pongo una domanda diversa: cosa resta di noi sulla Terra?

Dopo il rilascio del certificato di morte per l’anagrafe e per la legge noi siamo solo un fascicolo archiviato, ma cosa ne è di tutti i nostri dati affidati ad altri durante tutta la nostra vita? Con le nuove tecnologie, poi, si inserisce un altro problema: cosa resta della nostra presenza online dopo la morte?

Google si è posta questo problema ed ha stabilito delle procedure di eliminazione dei dati: sostanzialmente, dopo un determinato periodo di inattività si può scegliere se mandare tramite e-mail i propri contenuti a persone fidate o se cancellarli definitivamente.

Facebook, invece, ha fatto qualcosa di diverso: su segnalazione di un altro utente, si può trasformare un account Facebook da attivo a commemorativo. L’account in questione potrà essere eliminato solo su richiesta di parenti stretti verificati.

Ho fatto un’ulteriore ricerca, ma a quanto pare questi due colossi tecnologici sono gli unici ad aver pensato alla tutela degli account dei defunti. Qui si pone il problema: come segnalare il decesso di una persona e tutelare così i suoi dati su qualsiasi servizio online? Fino ad ora non esiste alcuna soluzione definitiva per il semplice fatto, secondo me, che non esiste alcuna legislazione in materia.

Tuttavia, sarebbe compito di chi gestisce i dati altrui preoccuparsi del trattamento dei suddetti fino in fondo e non soltanto perché richiamati al dovere dalla legge o da un garante.

Personalmente, apprezzo le soluzioni adottate da Facebook e Google e le considero valide entrambe, poiché si tratta di due servizi totalmente diversi: Facebook è un semplice social network che non ha che da gestire solo post, foto e video dell’individuo in questione, mentre invece Google include in sé tanti servizi, ognuno dei quali con uno scopo e delle problematiche diverse: Google+ e Orkut sono dei social network, Youtube è sì un social ma tratta specificamente della condivisione di video, Blogger serve a creare uno spazio web, Drive serve ad archiviare online i propri file e così via. Sarebbe impensabile trattare ogni singola applicazione in modo diverso per ogni utente e non avrebbe senso, visto che si tratta di un solo account.

Adesso però sono curioso di leggere la tua opinione: cosa ne pensi delle soluzioni adottate da Google e Facebook? Quali soluzioni potrebbero adottare i loro competitor per un trattamento più sicuro della privacy delle persone defunte?

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e gestire blog per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.