fbpx

Essere creativi non vuol dire essere cretini

Disperato

Disperato

Quando capii che la mia vocazione era quella di fare il copywriter sapevo di andarmi a ficcare in un bel pasticcio, perché è una di quelle professioni che non sai che esistono finché non ne  hai bisogno. Qualcuno pensa addirittura che sia un mestiere che hai inventato tu su due piedi e che pratichi per arrangiarti ed evitare la disoccupazione, soprattutto quando sei un freelance; altri invece vedono questo lavoro come una buona scusa per starsene seduti dietro una scrivania e magari cazzeggiare con un computer. A questo aggiungiamo che non esiste un albo ufficiale per questa professione e che per sua natura il copywriter è un lavoratore che resta nell’ombra e la frittata è fatta.

Essere un copywriter vuol dire fare particolare attenzione alle parole e all’intenzione di chi comunica. A tal proposito dice il vero chi afferma che

[Tweet “Ogni copywriter è anche un po’ psicologo.”]

Al momento questo lavoro non è la mia principale fonte di guadagno, ma conto di realizzare questo obiettivo nel più breve tempo possibile. Ho scelto di fare il copywriter perché non voglio tornare la sera a casa e sentirmi frustrato, perché credo nell’importanza di questa figura e perché sfrutta quella che credo essere la mia migliore abilità: la creatività.

Sì, essere creativi è bello, ma odio quando il furbetto di turno scambia il creativo per cretino e lo tratta con sufficienza accampando le scuse più ridicole pur di non riconoscere il lavoro che fa.

Sai quali sono le più frequenti? Lascia che te le dica io!

Copywriter? Cos’è?

Mi dispiace, ma non si mangia: il copywriter fa un lavoro ben preciso. E basta con le battutacce infelici tipo «ah, quello dei diritti d’autore» o «forse volevi dire copriwater»!

A scrivere siamo capaci tutti

Certo, però chissà perché, prima o poi, si rivolgono tutti ad un copywriter. Non basta conoscere qualche parolone e ricordarsi qualche regola di grammatica: la comunicazione ha delle regole e delle leggi che solo chi ha studiato può conoscere ed applicare correttamente, quindi che non ci vengano a dire che il loro nipote è più bravo perché prende 9 in tutti i temi a scuola.

Sei giovane, devi fare tanta strada

La verità è che la soglia della gioventù deve essere salita a dismisura, perché per alcuni imprenditori pare che arrivi anche a quarant’anni. Il fatto è che esistono tanti pregiudizi verso i copywriter, uno di questi è che l’età possa pregiudicare le conoscenze, ma ci troveremo tante volte avanti a clienti più anziani di noi che non sanno nulla di pubblicità. Basterà dimostrarglielo.

Non ho mai sentito parlare di te

Diciamo che in generale, nella vita, odio i manifesti e le pubbliche rivendicazioni in pompa magna, inoltre sono più che sicuro che chi dice questa frase in realtà non ha mai sentito parlare di nessun copywriter, visto che prima di averne bisogno non ne conosceva l’esistenza. Chi sta dall’altra parte gioca d’astuzia e il suo obiettivo finale è quello di tirare sul prezzo, per questo tenta di buttarti giù.

Sono nel mercato da tanti anni e quindi so che sei caro

Essere nel mercato non vuol dire conoscerne ogni settore. Sarà capitato a chiunque nella vita di comprare qualcosa senza sapere quanto fosse giusto pagare e confidando soltanto nella buona fede del venditore. Un copywriter non solo non è un venditore, ma spiega anche per filo e per segno il processo che ha portato a determinate scelte comunicative e stilistiche. La trasparenza è massima e il cliente è partecipe nel processo di creazione della strategia.

Conclusioni

Bisogna diffidare da chi cerca soluzioni di qualità a prezzo basso: si nasconde sempre la solita fregatura. I disonesti devono sapere che siamo molto svegli e determinati. Ora mi rivolgo a te, cliente onesto: come bisognerebbe trattare questi signori? Come potremmo, noi copywriter, evitare le fregature? Spero in un tuo commento. 😉

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e contenuti per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.