fbpx

Fonti per il tuo blog: quali evitare e quali verificare

Ricerca fonti

Se sei un blogger o aspirante tale, ma anche se sei un copywriter che scrive post per i propri clienti, saprai sicuramente che le fonti sono la colonna portante di un buon articolo.

Puoi citarle o non citarle, ma una cosa è sicura: fonti autorevoli creano un contenuto autorevole (finché le informazioni non vengono distorte).

Perché questa differenza tra fonti autorevoli e non autorevoli? Cos’è che le distingue? Cosa rende una fonte affidabile?

Se proviamo ad analizzare i diversi tipi di fonti, sicuramente riusciremo a distinguere quali fonti possiamo considerare autorevoli e quali invece faremmo bene a scartare, con le relative eccezioni del caso.

Vediamo dunque, quali elementi valutare per i principali tipi di fonti.

Blog personali

L’informazione indipendente non è assolutamente una fonte da scartare a priori, soprattutto nelle nicchie un po’ più tecniche. L’importante è verificare chi c’è dietro. Sai, su internet siamo tutti scrittori e storyteller, ma non per questo tutte le opinioni sono valide. Verifica che l’autore abbia a sua volta fatto riferimento a fonti autorevoli e che non tiri fuori dati dal cilindro come potrebbe fare chiunque. Oggi le bufale si diffondono alla velocità della luce e spesso le stesse testate giornalistiche pubblicano, non si può dire se in buona o cattiva fede, notizie che si rivelano poi essere inverosimili.

Tuttavia, quasi sicuramente puoi fidarti sempre degli influencer, i quali si presuppone siano persone che quantomeno sanno ciò di cui stanno parlando. Quasi sempre, insomma, l’influencer è una fonte autorevole.

Social network

Una dinamica simile si verifica sui social network: verifica sempre chi è che scrive un post: soprattutto su queste piattaforme, gli utenti credono di avere il diritto di poter dire tutto ciò che pensano, ma naturalmente non tutti hanno ragione. Anche qui vale lo stesso criterio: fidati degli influencer, non del primo che passa. Se leggo un post interessante riguardo Facebook, per me c’è grande differenza se l’autore è Mark Zuckerberg o il tizio del negozio all’angolo della strada.

Contributori

I contributori delle grandi testate, in genere, sono influencer di tutto rispetto, ma è anche vero che quasi tutte le grandi testate giornalistiche inseriscono sui loro siti web tantissimi post sponsorizzati, i quali non oserei mai ritenere attendibili: un contenuto progettato per vendere, non potrà mai avere quella dose di imparzialità necessaria a catalogare una notizia come completa e affidabile.

Naturalmente, ci sono delle eccezioni: prendi Forbes, ad esempio: prima di pubblicare un post sponsorizzato, ne verifica la validità, il che significa che, esattamente come tutti gli altri articoli, anche questo tipo di post è basato su fonti verificate. Tutti gli articoli di Forbes, infatti, sono considerati autorevoli dalla stragrande maggioranza dei blogger, che siano sponsorizzati o meno.

Wikipedia

Wikipedia è un’enciclopedia libera che tutti possono modificare. Certo, ci sono delle regole, ma non sempre può essere tutto sotto controllo dei moderatori.

Scrivere un post usando Wikipedia come fonte è come chiedere a un bambino di cinque anni di guidare un’auto: si tratta di aspettare che accada un incidente già determinato.

Il mio consiglio (e sono sicuro che non è solo il mio) è quello di usare Wikipedia come fonte addizionale e non come fonte principale.

Biografie

Scrivere un articolo su una persona o su una vicenda in particolare può essere molto semplice, se esiste una biografia (in caso di persone) o un racconto verificato (se invece si tratta di eventi, periodi storici, vicende giudiziare e contenuti simili), in quanto si può assumere che, trattandosi di una biografia, si vada sul sicuro, ma non è detto che sia così: ad esempio, hai controllato che si tratti di una biografia autorizzata? Come si pone l’autore di fronte a tali testi? Ci sono tanti giornalisti di gossip che scrivono di personaggi famosi, ma spesso si tratta solo di congetture.

Naturalmente esistono eccezioni di autori di biografie che invece raccolgono i propri dati su fonti non convenzionali, ma la cui credibilità non è confutabile.

Le tue fonti

Tu come selezioni le fonti? Quali sono i criteri per i quali reputi una fonte più attendibile di un’altra? Parliamone nei commenti.

Articoli correlati

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e gestire blog per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.