fbpx

In che modo Google+ incide sulla SEO

Google+
Google+
Immagine: Riccardo Esposito

A giugno Google+ festeggerà il suo terzo compleanno. In questo tempo è stato sempre più evidente come Google abbia posto il suo social al centro dei suoi progetti, compreso quello principale: il motore di ricerca. Da quando è nato Google+ è arrivato il concetto di authorship, per la prima volta sono comparsi dei volti nelle SERP e mai come ora i blogger sono coinvolti nel processo di miglioramento dei risultati di ricerca.

Certo, qualcosa ancora non funziona, qualcos’altro non è chiaro, ma la sensazione, confermata anche dall’aumento del numero di utenti attivi su Google+, è quella che la rivoluzione copernicana della SEO è vicina.

A questo punto è opportuno quanto lecito chiedersi come può esserci concretamente utile nella vita virtuale di tutti i giorni, soprattutto se gestiamo un brand, magari anche a livello locale. Sì, perché a quanto pare, nell’infografica che segue emerge un dato importante: le PMI ricavano vantaggi consistenti in termini di SEO dalle possibilità offerte proprio da Google+!

Google+ infografica

Analizziamo alcune, ponendoci un paio di domande:
Qual è il valore della SEO per un profilo di Google+?
E come possiamo usare piccoli business per migliorare il ranking?

Partiamo dicendo che Google+ è il social network di Google.
Google+, lanciato nel giugno 2011, consente ai singoli utenti, e alle varie società, di condividere media e connettersi con amici e clienti.

Ci sono più di 400 milioni di utenti nel mondo,  di cui un quarto ne usufruisce mensilmente.
Ogni giorno vengono creati più di 625 mila account.

Attraverso alcuni grafici riusciamo a verificare dove tale piattaforma è più usata nel mondo
(in particolare il suo utilizzo avviene in Cina, Russia e in India, ovvero quei paesi che negli ultimi decenni stanno prendendo il controllo dell’economia mondiale) e quali utenti la preferiscono (il 69.4% dei maschi).

Dai dati si evince  che alle PMI (e non solo) conviene usare Google+ con costanza e convinzione? Sì! E tu sei dello stesso parere? Quali vantaggi tangibili offre Google+ alla SEO, secondo te?

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e gestire blog per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.