fbpx

La guida definitiva alla scelta del CMS

Baby at work

Baby at work

Quando si inizia un qualsiasi tipo di attività online che necessiti un sito web dinamico alla base si è sempre indecisi sul CMS da usare. In genere un CMS personalizzato è troppo costoso per una PMI, che opta quindi per un CMS base tra quelli più noti, il quale verrà poi personalizzato con temi ed elementi originali.

Nel fare questa scelta bisogna valutare accuratamente una serie di parametri e capire qual è l’opzione più conveniente.

Da questa riflessione nasce l’infografica che sottopongo oggi, la quale si propone di analizzare i cinque CMS più usati per capirne pregi e difetti. Al primo posto, ovviamente, quasi fosse scontato, WordPress con una larghissima maggioranza sul secondo classificato: Joomla, che tuttavia, almeno da quel che ricordo, ha recuperato punti. Segue poi Drupal, migliorato nel corso degli anni, ma a mio avviso ancora troppo macchinoso, e infine gli outsider Typ03 e Prestashop. Da quel che si evince dalle conclusioni finali, molto dipende in realtà dal tempo a disposizione che ha chi si occupa del sito e dallo scopo finale.

Infografica CMS

La creazione e la manutenzione di un sito web ha a lungo disturbato i designer non professionisti quando si tratta di realizzare siti funzionali e visivamente stimolanti.
E’ pertanto importante registrati nel Sistema di Gestione dei Contenuti (CMS).

Il CMS è un programma Web che consente agli utenti di creare, modificare e mantenere i contenuti da un’unica interfaccia (in parole più semplici  il CMS (sistema di gestione dei contenuti in italiano), è uno strumento software, installato su un server web, il cui compito è facilitare la gestione dei contenuti di siti web, svincolando il webmaster da conoscenze tecniche specifiche di programmazione Web).

Si installa il software sul server del proprio host web, quindi si utilizza il  broswer per accedere al  sito Web e si utilizza il software per gestire i contenuti.

Ovviamente coloro che hanno conoscenze avanzate di HTML, CSS, PHP, MySQL, etc. possono trarre ancora più beneficio dal CMS.
Lavorare con CMS consente ai creatori di siti Web meno esperti e ai non designer di creare pagine funzionali e, soprattutto, permette di aggiornarle periodicamente senza dover dipendere da sviluppatori.

E tu? Quale CMS sceglierai?

Articoli correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu

Pin It on Pinterest

Share This