fbpx

Come ottimizzare un post per la SEO e per i social

Ottimizzare un post per la SEO e i social

Scrivere un post per il proprio blog significa avere due tipi di pubblico: i lettori e i motori di ricerca. Se i tuoi articoli non vengono trovati da Google, infatti, non li leggerà nessuno, anche se sono scritti benissimo.

Ottimizzare un post per audience diversi

Il problema principale di chi scrive online è proprio questo: i motori di ricerca e le persone amano leggere articoli scritti in due modi totalmente diversi. Il lavoro del blogger (ma anche quello del copywriter) è soprattutto questo: riuscire a ottimizzare un post per diversi tipi di pubblico per assicurarne massima leggibilità e diffusione. Quest’ultima, avviene principalmente in due modi: attraverso i motori di ricerca e attraverso i social. Per questo motivo senti dire spesso che un’azienda che vuole curare la sua presenza online con un blog aziendale, ha bisogno di un professionista che sappia ottimizzare un post in tal senso.

Ma cosa vuol dire nella pratica? Vediamo.

Ottimizzare un post per la SEO

Quello che molti ancora non capiscono è che

[Tweet “La SEO non è trovare un modo per fregare l’algoritmo di un robot, ma scrivere contenuti di rilievo.”]

Per scrivere un contenuto di rilievo devi innanzitutto individuare una parola-chiave di interesse per il tuo pubblico. Individuato ciò, devi inserire la parola-chiave in posti di rilievo: il titolo, le headline e lo snippet. Oltretutto, devi assicurarti che all’interno del testo la parola-chiave abbia la giusta densità (anche se non è il parametro più importante del mondo).

Naturalmente non puoi limitarti alla parola-chiave che hai scelto, ma devi anche ottimizzare il tuo post per tutte quelle che sono semanticamente connesse ad essa. In questo modo la tua parola-chiave diventerà un argomento-chiave.

A questo punto devi individuare tutte le domande relative al tuo argomento-chiave e fornire una risposta ad esse mediante il tuo contenuto.

Ottimizzare un post per i social

Ti svelo un segreto:

[Tweet “Non sono i post ad essere condivisi, ma i titoli”]

Focalizzarsi su questo, quindi, è molto importante per ottimizzare un post affinché venga condiviso sui social. Devi trovare un modo, attraverso i titoli, di suscitare una qualche reazione. Devi giocare di psicologia.

Usa un linguaggio immediato, con parole semplici e di uso comune. Oppure usa un vocabolo particolare che possa spingere la reazione del lettore in una certa direzione: parole piacevoli generano piacere, parole negative generano indignazione. La scelta è tua.

Un’ultima considerazione sui titoli: un titolo è una promessa, rompi questa promessa e perderai il lettore. In parole povere, non fare clickbaiting.

L’ottimizzazione per i social non si ferma qui: scegliere l’immagine con cura è indispensabile. In particolare, funzionano due tipi di immagini:

  • Volti: famosi o ignoti non importa, quando vediamo un viso abbiamo sempre una reazione di un qualche tipo, è nella nostra natura.
  • Testi: una frase ad effetto o un motivo in più per cliccare sul link, le parole sono sempre uno strumento molto potente.

Parlando di social, non possiamo escludere gli influencer dal discorso: citarli nel tuo articolo può sicuramente aiutare.

Come ottimizzi i tuoi post?

Questa è la mia idea di come ottimizzare un post. Naturalmente il discorso potrebbe essere ben più lungo, poiché si tratta di tecniche maturate dopo anni di esperienza, ma le linee principali da seguire le ho scritte tutte qui. E poi ognuno di noi ha un modo tutto suo di ottimizzare i post, tu che metodo usi, ad esempio? Parlane nei commenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e gestire blog per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.