fbpx

Parliamo dei giornali italiani, ma…

Parliamo dei giornali italiani, ma...

Parliamo dei giornali italiani, ma...

Dopo un mese di permanenza a Londra, oggi inauguro la categoria UK life, ossia una serie di articoli dedicati al mondo della comunicazione in terra inglese, che pubblicherò con cadenza settimanale (ogni venerdì).

Ho scelto il tema del giornalismo perché in Italia le principali testate vengono criticate pesantemente ogni giorno. Critiche giuste? Personalmente credo che a lamentarsi del troppo click-baiting e degli articoli campati per aria non sia sbagliato, anche perché siamo arrivati al punto in cui gli articoli veri si confondono con quelli di Lercio.

Se mi leggi da un po’ sai che io la TV la guardo molto poco, quindi per informarmi navigo su Internet. Non avendo blog di riferimento, ho iniziato a seguire i canali social di alcuni dei principali quotidiani inglesi come il Sun, l’Independent o il Metro, che distribuiscono anche gratis in metropolitana.

Proprio stamattina cercavo notizie riguardo la politica sulle fanpage dei suddetti quotidiani (pochi giorni fa ci sono state le elezioni politiche), ma ecco cosa ho trovato:

sun-2 independent-1 independent-2 metro-1 sun-1

Riesci a trovare una notizia di politica, cronaca o quantomeno un po’ più seria?

Quello che voglio dire è che sui social i quotidiani inglesi sono pieni di infotainment e che è quasi impossibile informarsi su quello che accade nel mondo. Perfino l’Independent, che è uno dei maggiori quotidiani del Paese, si riduce a postare articoli di due amanti che fanno sesso in spiaggia o dell’ultimo video di Jay Z e Beyoncé.

Certo, non c’è click baiting (o comunque è molto più implicito), non ci sono pagine piene di pop up che fanno crashare il browser, ma a cosa serve se si possono leggere, per il 75%, solo notizie di gossip?

A questo punto le possibilità sono due: o i pennivendoli esistono in Italia così come all’estero (o almeno qui in Inghilterra), oppure agli inglesi piace leggere solo questo tipo di notizie. E chissà perché, io protendo verso la prima, ma mi piacerebbe sapere la tua opinione a riguardo: credi che il cattivo giornalismo sia una tendenza tutta italiana oppure pensi che la pessima qualità deli quotidiani nostrani sia perfettamente nella media?

Articoli correlati

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiudi il menu

Pin It on Pinterest

Share This