fbpx

3 modi per migliorare una frase

Scrivere un copy perfetto è quasi impossibile, in particolare quando si tratta di un intero contenuto. Ma se migliorare un contenuto è complesso, forse migliorare una frase può essere più semplice.

Del resto, cos’è un buon contenuto se non un insieme di buone frasi?

Immagina di essere di fronte a un testo da rivedere e correggere. Non importa se lungo o corto, perché un testo, nella sua interezza, è complicato per natura, il che non è sbagliato, sempre che sia complicato da scrivere, ma semplice da leggere e capire. Dicevo, immagina di avere questo testo da rivedere e correggere, anzi da migliorare: lo leggi una volta, due volte, magari cambi una virgola qua e là, usi qualche sinonimo da una parte, ma nulla di più. Pensi che sia pronto per scendere in campo e lo lanci.

Ora prendi lo stesso testo e scomponilo, in modo da arrivare non a migliorare tutto il contenuto, ma a migliorare una frase per volta. Molto probabilmente, ti sarai accorto che cose da correggere ce ne sono eccome!

È naturale: focalizzare l’attenzione su un solo piccolo elemento è molto più semplice, è così in qualsiasi disciplina, anche negli sport motoristici e di corsa: non pensare a tutti quelli che sono avanti a te, pensa solo a superare quello che ti precede.

Come fare a migliorare una frase?

Qui veniamo al nodo centrale dell’articolo: come si possono intercettare gli errori e quindi migliorare una frase? I modi sono tantissimi, ma i tre criteri che personalmente utilizzo, sono quelli che ti sto per elencare ora.

1. Nessuna frase è isolata

Potrebbe sembrare contraddittorio, ma non lo è: per esaminare una sola frase, devi anche considerare quelle che gli stanno intorno, e dovresti farlo per due motivi:

  1. Potresti aver abusato di una parola. A volte lo facciamo intenzionalmente per porre enfasi su un concetto, altre volte lo facciamo senza volerlo. Usa più variabili per rendere il testo più stimolante da leggere;
  2. Potresti aver sovraelaborato un concetto. In un buon contenuto ogni frase ha il suo scopo. Se ci sono due o più frasi che ripetono lo stesso concetto ma in modo diverso, forse è il caso di lasciarne soltanto una.

Inoltre, quando nel considerare una sola frase consideri le altre circostanti, riesci a individuare più facilmente le debolezze delle frasi successive che analizzerai.

2. Smussa gli spigoli

[Tweet “La migliore abilità che puoi acquisire? Guardare ciò che scrivi con occhio critico.”]

Avere occhio critico non significa essere severi con sé stessi, ma identificare le parti delle tue frasi meno comprensibili o non curate nei dettagli.

Ad esempio, sicuramente saprai che usare i verbi all’attivo è meglio che al passivo perché ciò rende la struttura della frase più scorrevole.

Un altro modo è quello di tagliare le parole in eccesso. Ti faccio un esempio:

Ti ho dato le linee guida affinché tu possa usarle per scrivere un buon articolo.

Sembra che non ci sia nulla di male, vero? Che ne dici invece di:

Ti ho dato le linee guida per scrivere un buon articolo.

Il significato non è cambiato, ma ora la frase sembra molto più semplice!

3. Evita le parole ambigue

Quando scrivo, tengo sempre a portata di mano un vocabolario o una tab di Chrome aperta su un vocabolario online. Qualcuno lo giudicherà professionale, qualcun altro una paranoia, ma forse la verità è che cercando di essere professionale vado in paranoia.

In ogni caso, lo faccio perché voglio controllare quali sono tutti i significati di ogni parola che non uso nel linguaggio ordinario e se scopro che ce n’è qualcuna che ha più significati, cerco un sinonimo che la sostituisca per il significato che mi occorre. Poi controllo anche quella.

Mi è molto utile, inoltre, per togliermi eventuali dubbi sullo spelling e sull’utilizzo delle parole che scelgo. Insomma voglio essere sicuro che il lettore capisca ciò che ho scritto senza sforzi e che non si distragga per un errore di spelling o un uso improprio dei vocaboli.

Il tuo modo per migliorare una frase

Ora a te la parola: come determini se una frase è forte o debole? Qual è il tuo metodo preferito per rivedere un contenuto? Dillo con un commento.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e gestire blog per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.