fbpx

Vendi i tuoi servizi online? Allora evita questo errore

Errore di web marketing

Per vendere i propri servizi online non basta aprire un sito Internet, caricare qualche foto e fissare il prezzo, perché questo equivale a non esserci affatto.

Il web di oggi è un mondo fatto di relazioni, prima che transazioni e se non sei Amazon o eBay, ma sei un professionista che vende infoprodotti e servizi online, non puoi fare a meno di relazionarti con il pubblico a cui tali servizi sono destinati.

La prima cosa da fare è sicuramente mettere su un blog e curarlo e aggiornarlo costantemente con contenuti validi, di qualità e targetizzati per la tua nicchia, ma se leggi questo blog da un po’, forse lo sai già.

Sicuramente i social fanno la loro parte, prima e dopo l’acquisto, poi ci sono le landing page e le campagne di marketing e advertising.

Tutti questi elementi possono costituire il percorso virtuale che compie una persona interessata ai servizi che vendi quando si imbatte nel tuo sito. Per dirla nel linguaggio tecnico, il funnel che converte un lead in sale.

Cosa determina il corretto funzionamento del funnel?

Bella domanda. Sicuramente tantissimi fattori. Sul serio, anche un minimo dettaglio può incidere sul successo o il fallimento di una conversione, persino la velocità di caricamento del sito può far decidere a un utente frettoloso di chiudere la pagina e tu perdi una potenziale vendita.

Una cosa in particolare, però, secondo me incide in modo specifico: il modo in cui ti proponi.

Un errore comune

Questa parte, a mio avviso, può influire sulla percezione che il potenziale cliente ha di te. In che modo è presto detto, perché tantissimi professionisti (incluso me), a mio avviso, commettono un errore.

Se sei un lavoratore del web te ne accorgi subito: nelle landing page, nelle pagine per i contatti e nelle bio, molti tendono a convincere il lettore che ha bisogno di quel determinato servizio, fornendo delle argomentazioni a supporto della loro tesi, magari anche validi e legittimi.

Personalmente, ritengo questo modo di fare sbagliato per una serie di motivi:

  • Tu non conosci la persona che sta visitando la pagina in quel momento, quindi dire che se ne conoscono i bisogni è pura presunzione;
  • Non puoi dire a qualcuno cosa gli serve con la sicumera di chi la sa fin troppo lunga, è irritante;
  • Il visitatore potrebbe avere già i suoi motivi per i quali chiederti aiuto ai quali potresti non aver pensato e quindi non scritto, di conseguenza potresti perdere un potenziale contatto perché potrebbe pensare che fai qualcosa di diverso da ciò che egli chiede;
  • Questa tecnica va forse bene agli inizi, ma non quando sei un professionista affermato.

Un possibile approccio corretto

D’accordo, ora sarebbe giusto chiedermi quale sia, invece, la cosa giusta da fare.

Partendo dal presupposto che nessuno ha la verità in tasca, tanto meno io, un’idea alternativa posso dartela.

Credo che la chiave sia non il far capire al cliente perché ha bisogno dei servizi che offriamo, ma perché dovrebbe scegliere noi e non qualcun altro.

Cosa offri di speciale che gli altri non offrono? Quali sono le differenze che ti contraddistinguono dalla concorrenza? Oppure, in modo più diretto: perché dovrei fermarmi nella mia ricerca e contattare te e nessun altro?

Ecco, se attraverso le parole riesci a rispondere a queste domande, a mio avviso le chance di ottenere conversioni aumentano. Se pensi che sia difficile adottare questo approccio, beh, io te l’ho consigliato, io posso aiutarti a metterlo in atto.

Il tuo approccio

Come dicevo, questa è la mia personale opinione. Sta di fatto che per i motivi sopra espressi, credo che la tecnica del tu hai bisogno di comprare ciò che vendo sia totalmente sbagliata. Sei d’accordo? Quale tecnica usi per convincere i visitatori a scegliere te? Racconta la tua esperienza nei commenti.

Articoli correlati

3 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Mario Palmieri

Mi chiamo Mario Palmieri e sono un digital copywriter. Mi occupo di scrivere testi pubblicitari e contenuti per conto di aziende e professionisti che vogliono farsi conoscere sul web.

Share This

ContenTricks

Advertising online

Il cliente

ContenTricks è una libreria di contenuti sul digital marketing già pronti all’uso, dagli articoli ai video. Vi si accede pagando una sottoscrizione mensile e ogni mese vengono caricati nuovi contenuti.

L’obiettivo della campagna su Facebook era quello di aumentare il numero degli iscritti facendo appello a tutti quei marketer che fanno fatica a produrre contenuti nuovi e genuini per il loro business. Il tono richiesto doveva essere amichevole, come a parlare da collega a collega.

L'idea

Dai feedback pervenuti durante la fase di test, è emerso che la maggioranza degli iscritti usava ContenTricks come fonte di ispirazione.

Ho voluto ricreare la situazione tipica del content creator di fronte al monitor senza ispirazione. Dato il basso budget, come visual ho dovuto fare ricorso a immagini di stock, ma ho preferito un buffo cagnolino al solito tizio impanicato.

La head rappresenta la voce del collega che bonariamente scherza sul momento di sconforto e propone una soluzione che verrà poi spiegata nel testo dell’annuncio: ContenTricks.